Quando faccio una foto in questi giorni, non ci penso molto. So che verrà automaticamente salvata nel cloud insieme a tutte le informazioni necessarie. Non è come ai vecchi tempi quando lo scopo di scattare una foto era di stamparla per poi metterle negli album.

Questo significa anche che è facile dimenticare le foto che hai fatto e forse anche le esperienze che avresti dovuto ricordare. C’è una ricerca che dimostra che quando scatti una foto, potresti non ricordare gli eventi come se avessi vissuto la stessa esperienza senza fotocamera.

Uno studio suggerisce che quando stiamo scattando un foto, pensiamo più a come verrà in modo che le persone l’apprezzeranno su Instagram, piuttosto che a ciò che vogliamo effetivamente notare o ricordare.

Direi che non è necessariamente una cosa brutta. Ogni buon fotografo considererà, mentre sta scattando una foto, cosa potrebbe trasmettere alle persone che la vedono appesa in una galleria o pubblicata online.

Le foto risveglieranno la tua memoria molto meglio se un piccolo numero di loro è curato in un album.

Quindi puoi rivedere le foto quando desideri ricordare a te stesso la tua vacanza, il primo anno di tuo figlio o un’altra esperienza memoriabile. Potresti non scorrere tra le tue migliaia di foto dell’anno scorso, ma forse basterebbe scegliere le foto migliori e ti ritorneranno di tanto in tanto.

Potresti persino stampare un libro fotografico o appendere alcune tue foto preferite sul muro. In tal modo, avrai più opportunità di pensare al perchè quei momenti sono stati speciali per te in primo luogo.